I sette bahai arrestati comunicano con le loro famiglie

Ai sette bahá’í che sono stati arrestati di recente in Iran è stato consentito di fare una breve telefonata alle loro famiglie.

Sei di loro erano stati rinchiusi in carcere il 14 maggio, a Teheran. Il settimo era stato, invece, arrestato nel mese di marzo, nella città di Mashhad.

La Bahá’í International Community ha ricevuto rassicurazioni che il 3 giugno, le signore Mahvash Sabet e Fariba Kamalabadi sono state autorizzate a fare delle brevi telefonate alle loro famiglie. Contestualmente è stato consentito di fare lo stesso anche a: Jamaloddin Khanjani, Afif Naeimi, Saeid Rezaie, Behrouz Tavakkoli e Vahid Tizfahm.

Oltre ai sette membri del gruppo “Amici in Iran”, altri 15 bahá’í sono attualmente detenuti nel Paese mediorientale: alcuni di questi credenti sono stati posti in isolamento e la maggior di loro non hanno ricevuto, fino a questo momento, alcun capo d’imputazione.

Tag: , ,

Una Risposta to “I sette bahai arrestati comunicano con le loro famiglie”

  1. Appello dei Premi Nobel per la liberazione dei Bahá’í imprigionati in Iran « La Fede Baha’i in Italia Says:

    […] Nobel Women’s Initiative recita: Apprendiamo con ansietà la notizia dell’arresto di sei eminenti Bahá’í avvenuto in Iran il 14 maggio 2008. Rileviamo che Mrs.Fariba Kamalabadi, Mr. Jamaloddin Khanjani, Mr. Afif Naeimi. Mr. Saeid Rezaie, […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: