La più santa di tutte le festività Bahá’í

La più santa e la più significativa di tutte le festività Bahá’í è quella che commemora la Dichiarazione fatta da Bahá’u’lláh, ai Suoi compagni, della Sua Missione profetica. Tale atto avvenne a Baghdad, il 21 aprile del 1863, nel giardino di Najíbíyyih, situato entro una piccola isola, bagnata dalle acque del Tigri. Da quel momento in poi, quel luogo, è stato indicato dai Bahá’í come il Giardino del Ridván: posto nel quale Bahá’u’lláh si trattenne per dodici giorni, prima di lasciare per sempre quella città, tappa iniziale dell’esilio che Gli fu imposto dalle autorità dell’Impero turco-ottomano.Da centotrentacinque anni i Bahá’í celebrano quell’evento con grande solennità religiosa. Per esplicita volontà di Bahá’u’lláh, in ogni centro dove esistono più di nove credenti vengono elette, ogni anno, durante questa festa, le Assemblee Spirituali Locali ed ogni comunità nazionale dispone, nel contempo, di un Consiglio direttivo che, su tutto il Paese, presiede agli affari amministrativi della collettività dei credenti. Anche l’Assemblea Spirituale Nazionale è eletta annualmente, durante i dodici giorni della festività di Ridván. Lo stesso accade per la Casa Universale di Giustizia che viene eletta, invece, ogni cinque anni ad Haifa e che sovrintende – a livello internazionale – alle attività delle diverse comunità nazionali.

Per capire l’importanza dell’evento celebrato dai Bahá’í con la festività di Ridván, basta rammentare il momento in cui Gesù, fu condotto davanti al sommo sacerdote, per subire un interrogatorio da parte del sinedrio ebraico – ovvero davanti agli anziani e agli scribi (i farisei) – in cui Egli stesso si equiparò al Padre celeste, affermando di essere il Figlio di Dio e dichiarando in questa maniera – in forma esplicita – di essere il tanto atteso Messia, ovvero il Verbo di Dio.

Nel Giardino del Ridván, a Baghdad, il 21 aprile del 1863, Bahá’u’lláh affermò di essere il Messaggero promesso d’ogni credo religioso: atteso per la fine del ciclo adamico dell’umanità e per l’inaugurazione del tempo dell’adempimento di tutte le profezie del passato. Affermò che la guerra santa era finita per il mondo islamico e che non prima di mille anni sarebbe apparsa di nuovo, sulla Terra, un’altra Manifestazione di Dio.

Tag: , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: