Elezione della Casa Universale di Giustizia

foto della Casa Universale di Giustizia sul Monte Carmelo (Haifa, Israele)

Fervono i preparativi ad Haifa – la terza città israeliana per numero di abitanti – per accogliere, in Terra Santa, dal 26 di aprile al 2 di maggio del 2008, i membri delle Assemblee Spirituali Nazionali – presenti in tutto il mondo – che dovranno eleggere i nove Fiduciari della Casa Universale di Giustizia, che resteranno in carica per cinque anni: dal 2008 al 2013.

L’elezione si svolgerà presso il Centro della Convenzione internazionale, ad Haifa, sulle pendici del Monte Carmelo.

Sono trascorsi quarantacinque anni dalla elezione della prima Casa Universale di Giustizia: avvenuta nel 1963.

Le elezioni precedenti – quelle del 2003 – si svolsero con l’invio del voto, ad Haifa, per posta, da parte dei membri delle Assemblee Spirituali Nazionali. Questa decisione fu adottata in considerazione della delicata situazione politica che si respirava, in quel momento, nello Stato di Israele: in particolare sulla striscia di Gaza. Un altro elemento di rischio era rappresentato, in quel momento, dall’acuirsi del conflitto mediorientale: a causa dell’invasione dell’Iraq da parte degli Stati Uniti d’America e delle forze, ad essa, alleate.

Le sessioni plenarie della decima Convenzione internazionale avranno inizio martedì 29 aprile 2008.

L’Ufficio internazionale della Convenzione ha augurato agli oltre 1.500 delegati – con discreto anticipo rispetto all’evento – di unirsi tra loro, una volta giunti in Terra Santa, in spirito di fraternità, in qualità di “rappresentanti delle oltre 150 comunità bahá’í, che sono stati invitati” a presenziare, a questo momento della vita amministrativa internazionale, in quanto rappresentanti eletti delle diverse Comunità Bahá’í, che sono presenti in tutto il pianeta.

“Lo scopo primario della Convenzione – è stato spiegato nella lettera d’invito, inviata ai delegati – è l’elezione dei membri della Casa Universale di Giustizia, ma saremo lieti – si afferma – di accogliervi prima della Convenzione perché possiate partecipare ad un pellegrinaggio di tre giorni ai Luoghi santi bahá’í nell’area ‘Akká/Haifa”.

Com’è noto, l’elezione della Casa Universale di Giustizia è segreta, si svolge a suffragio universale ed è priva (come ogni elezione Bahá’í) di una qualsivoglia forma di propaganda elettorale. La Casa Universale di Giustizia è una Istituzione infallibile, secondo quanto si evidenzia negli Scritti Sacri – rivelati da Bahá’u’lláh – e dalle Ultime Volontà e Testamento di ‘Abdu’l-Bahá.

La Casa Universale di Giustizia rappresenta, dunque, il supremo corpo amministrativo internazionale della Comunità Bahá’í. Essa è una Istituzione divina indicata, in maniera esplicita, da Bahà’u’llàh nel Suo Libro delle Leggi, ovvero nel Kitáb-i-Aqdas. Essa ha potere legislativo su tutti gli argomenti che non sono stati espressamente trattati da Bahà’u’llàh.

Tag: , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: