“LA DONNA CHE LEGGEVA TROPPO” (RIZZOLI) DI BAHIYYIH NAKHJAVANI

ladonnacheleggevatroppo.jpgUN FORMIDABILE RESOCONTO DELLA PRESENTAZIONE A CATANIA, ALLA LIBRERIA CAVALLOTTO, DEL LIBRO “LA DONNA CHE LEGGEVA TROPPO” (RIZZOLI) DI BAHIYYIH NAKHJAVANI.

(…) La presentazione dell’evento è stata affidata al poeta e scrittore bahá’í, di Gela, Enzo Salsetta che – dopo i ringraziamenti di rito – ha introdotto l’argomento storico del tempo di Tahíríh e le nefandezze della corte della dinastia Qajar, nell’Iran del secolo scorso.

Ha preso poi la parola Margherita Spampinato, docente di Filologia Romanza presso l’Università di Catania. Ha esordito dicendo che era solita presentare solo quei libri che la colpivano profondamente: “La Donna che leggeva troppo” è uno di questi libri. La storia della poetessa di Qazvin, nella sua originale costruzione temporale, risulta appassionante per i lettori anche per il fatto che la storia narrata non è frutto di fantasia, ma rispecchia fatti tragici veramente accaduti in Iran.

A questo punto l’attenzione della sala stracolma era al massimo, e l’intervento della sig.ra Bahiyyih Nakhjavani è stato appassionato, accorato, molto coinvolgente ed a largo raggio. Il suo discorso ha toccato il personaggio di Tahíríh, il principio di parità fra i sessi del messaggio Bahá’í, la condizione della donna nel mondo, la condizione dei studenti bahá’í in Iran, il pericolo in Iran del progetto di legge per il reato di apostasia, il senso del rispetto delle opinioni di tutti, il grande insegnamento che le religioni, tutte, nessuna esclusa, danno per il miglioramento dell’uomo.

E’ veramente difficile sintetizzare le amabili, ma ferme parole pronunciate nel corso della sua prolusione e l’effetto prodotto sugli attenti ascoltatori: tra l’altro un iraniano presente, sicuramente di Fede Mussulmana, si è alzato e pubblicamente l’ha abbracciata, commosso, confermando: sia la terribile restrizione della libertà di pensiero in Iran, sia le persecuzioni in atto nei confronti dei bahá’í.

Tutte le copie del libro messe in vendita dalla libreria sono andate a ruba e la fila per la dedica con autografo è durata per oltre un’ora, dopo gli interventi. (…)”.

Filippo Castello

Advertisements

Tag: , , , , ,

Una Risposta to ““LA DONNA CHE LEGGEVA TROPPO” (RIZZOLI) DI BAHIYYIH NAKHJAVANI”

  1. radio RAI3 intervista la scrittrice iraniana Bahiyyh Kakhjavani « La Fede Baha’i in Italia Says:

    […] By admin A Roma per la presentazione del suo ultimo lavoro edito da Rizzoli, “La donna che leggeva troppo“, Bahiyyih Nakhjavani ci ha concesso un po’ del suo tempo per una breve ma interessante […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: