(comunicato stampa) Dal mondo Bahá’í: recrudescenza delle persecuzioni in Iran

Grande scalpore ha destato, a livello internazionale, la notizia annunciata in maniera ufficiale – dopo anni di colpevole silenzio – dal portavoce giudiziario di Teheran, Alí-Reza Jamshidi, delle condanne comminate a 54 cittadini di Shiraz, fedeli della religione Bahá’í, che per venti mesi sono stati costretti al carcere preventivo, con l’accusa di avere insegnato, in maniera indiretta, la loro Fede e che ora sono stati condannati, in via definitiva, fino a quattro anni di reclusione ed alla sospensione, per un anno, dai loro incarichi lavorativi.Tutto questo in perfetto dispregio dell’articolo 18 della Dichiarazione dei Diritti Umani, che ha validità legislativa nei Paesi che l’hanno firmata – incluso l’Iran – nella quale si sostiene che “ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione; tale diritto include la libertà di cambiare religione o credo, e la libertà di manifestare, isolatamente o (…) in pubblico (…) la propria religione o il proprio credo (…).”.

Nelle circostanze specifiche i 54 Bahá’í, imprigionati a Shiraz a partire dal maggio 2006, sono accusati di avere insegnato la loro Fede, sotto la copertura di progetti di sostegno sociale: uno dei quali è stato condotto nell’ambito del programma denominato “Protezione dei diritti dei bambini di Shiraz”, che è stato regolarmente registrato presso il Ministero dell’Interno.

Si tratta, dunque, di accuse infondate. I progetti incriminati non hanno mai incluso, infatti, l’insegnamento della Fede Bahá’í, né i partecipanti si sono mai impegnati nel fare propaganda anti-regime, come invece è stato dichiarato da un funzionario di governo.

Del resto, il programma adottato dai Bahá’í, nelle loro iniziative sociali, era stato presentato, in precedenza, al Consiglio Islamico della città di Shiraz, perché le autorità lo conoscessero e per ottenere, da esse, il permesso di continuare nell’esecuzione del progetto stesso. Nel programma, in questione, erano impegnati non soltanto i Bahá’í, ma anche alcuni Mussulmani del posto.

Si tenga presente che la richiesta dei Bahá’í è stata approvata – dopo essere stata visionata dalla Commissione Culturale – ed un’autorizzazione scritta è stata, persino, consegnata al gruppo. Il permesso includeva riferimenti al materiale utilizzato nei programmi e nessuno ha sollevato il problema della religione di appartenenza dei membri del gruppo, che prestava, in quella maniera, servizio civile tra i bambini disagiati dei sobborghi di Shiraz.

Occorre, inoltre, rimarcare che mai nessuna segnalazione è stata inoltrata alle autorità giudiziarie, da parte dei genitori e dei parenti dei bambini, nella quale si esprimesse la preoccupazione per la religione di appartenenza di quanti erano impegnati nell’educazione di loro fanciulli. Solo dopo l’ingiusto arresto dei 54 Bahá’í – con le condanne ufficiali che sono scaturite nei giorni scorsi – le autorità hanno iniziato a fare distinzione tra i Mussulmani ed i Bahá’í, coinvolti nelle iniziative.

Notizia a cura del Dipartimento Relazioni Esterne e dell’Ufficio Stampa Bahá’í

Assemblea Spirituale Nazionale dei Baha’i d’Italia
Via Stoppani 10
00197 ROMA
telefono 06 80 79 647
e-mail segreteria@bahai.it

Tag: , , , , , , , , , , ,

Una Risposta to “(comunicato stampa) Dal mondo Bahá’í: recrudescenza delle persecuzioni in Iran”

  1. Amnesty International agisce per la liberazione di tre baha’i in Iran « La Fede Baha’i in Italia Says:

    […] mese di agosto 2007, le 53 persone di religione baha’i che erano state in detenzione sono state giudicate dalla prima camera del tribunale rivoluzionario […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: